StartUp – Stagione 2

Mi ero davvero divertito a guardare la prima stagione di StartUp. Mi aveva invogliato la presenza dell’ottimo Martin Freeman, ma alla fine erano stati gli altri personaggi ad appassionarmi, e al netto di qualche difetto la serie si era rivelata un intrattenimento piacevole e intelligente. Così quando ho visto che su Amazon Prime Video era arrivata la seconda stagione ho detto… perché no? Soprattutto perché a far capolino dalla locandina c’era un altro volto noto e da me molto apprezzato: RON PERLMAN!

Già l’accoppiata Ron Perlman + Martin Freeman mi sarebbe bastata per guardare qualsiasi serie. E allora la domanda nasce ancora più spontanea: perché quasi nessuno parla di StartUp?

La risposta è ahimé evidente anche solo dopo pochi episodi: perché StartUp è un casino. Già nella prima serie la trama non era il massimo: un po’ convoluta, confusionario, non bene messa a fuoco. Nella seconda la cosa peggiora. Sembra che gli sceneggiatori abbiano cercato di capire cosa funzionava nella storia, segando le parti meno riuscite e ampliando le altre. Solo che:

1 – non hanno capito cosa funzionava e non funzionava davvero

2 – hanno gonfiato il tutto un po’ a casaccio.

Nella prima stagione StartUp mischiava malavita e new technology, alta finanza tradizionale e bitcoin. Non centrava perfettamente il risultato, ma ci andava abbastanza vicino da risultare interessante. In questa seconda si alza il tiro e dai bitcoin si passa a una vera e propria rivoluzione di internet… una nuova rete simil-tor messa in piedi in dieci giorni che dovrebbe far superare il world wide web. Un Halt and Catch Fire ai giorni nostri, a Miami… ma i personaggi di H&CF erano più umani, geniali ma destinati a un relativo insuccesso, e il mondo che girava loro intorno era decisamente più reale. Qui ci troviamo davanti a una rivoluzione senza basi solide. Anzi, senza basi punto. Il castello di carte crolla anche a un’analisi poco approfondita.

E la malavita? Quella resta. Il personaggio di Edi Gathegi era sicuramente la cosa più interessante della prima stagione, capo della mafia haitiana che vuole rendere più sicuro il proprio quartiere e far guadagnare la propria gente, senza rinnegare le sue origini. Qui… non dico che viene snaturato, ma pare che per creare drammi e smuovere le acque gli facciano succedere attorno di tutto. Tanto che a un certo punto si dice “vabbé, basta”, malgrado lui reciti sempre in maniera convincente.

Chi non convince affatto è la “genietta” Izzy Morales (Otmana Marrero), che mi pare troppo caricata di responsabilità che non è ancora in grado di sopportare. Carina, quasi all’esordio, ancora non ha il peso specifico per reggere momenti drammatici troppo intensi. Forse si farà. La colpa non è neanche sua, ma della sceneggiatura appunto…

In tutto questo, poi, Martin Freeman non appare praticamente mai. Il suo diventa quasi un cameo, poche apparizioni a indirizzare la trama in un certo modo, neanche troppo importanti a guardar bene. Perlman invece entra in scena circa a metà stagione, e se all’inizio fa pochino man mano diventa più importante. E si mangia tutto il resto. Se ho portato a termine gli episodi è principalmente per merito suo, e in effetti il finale è la parte migliore e più appassionante della serie. Chissà, potrebbe persino spingermi a guardare la terza (già confermata) stagione il prossimo anno. Alla fine basterebbe poco per fare il salto di qualità. Per ora, il giudizio è “peccato”.

Related posts

BlacKkKlansman – Infiltrate Hate

BlacKkKlansman - Infiltrate Hate

Chi come me si è appassionato al cinema negli anni '90 non può non considerare Spike Lee un punto di riferimento. Sono cresciuto con le vhs di Fa la Cosa Giusta, Malcolm X, Clockers, He Got Game... Spesso capolavori, quasi sempre ottimi film con un punto di vista preciso, coerente, militante...

Le novità più interessanti delle ultime tre settimane televisive

Le novità più interessanti delle ultime tre settimane televisive

È da tanto che non ci leggiamo. Il trasloco è un'esperienza durissima, vedo che qualcuno di voi fa cenno di sì con la testa... voi ci siete passati. Mi capite. In ogni modo l'importante è che ora tutto sia apposto. Mi mancano solo la cucina, una camera e circa due miliardi di scatoloni di roba...

Italian way of Cooking, di Marco Cardone

Italian way of Cooking, di Marco Cardone

Dal titolo potreste forse pensare che Marco Cardone sia uno dei passati vincitori di Masterchef, e che questo sia il suo primo libro di cucina. Non fatevi ingannare! Italian way of cooking è un romanzo, e anche se nelle ultime pagine del volume troverete davvero delle ricette, queste sono molto...

2 Comments

  1. Cassidy 20 September 2018
    Rispondi

    Tra questa ed “Hand of God” dovrei proprio rimettermi in pari con il lavoro del grande Ron-Ron, grazie per l’ottimo post utile anche per la mia memoria 😉 Cheers

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.