Recitazione 9
Regia 9
Storia 10
Musiche 10
Fotografia 9
Fattore WOW 10
Summary rating from 1 user's marks. You can set own marks for this article - just click on stars above and press "Accept".
Accept
Summary 9.5 WOW!

Spider-Man: almeno tu nel multiverso…

Una volta si chiamava semplicemente Uomo Ragno. Era Peter Parker, un ragazzetto che come ben sappiamo ha acquisito i suoi poteri dal morso di un ragno radioattivo. Ma ben presto, se ne sono aggiunti altri, e forse più di ogni altro dei supereroi classici Spider-Man è diventato il personaggio col quale sperimentare, provare storie nuove e versioni alternative. Il clone Ben Reilly, il giapponese Yu Komori, il Peter Parquagh di Marvel 1602, lo Spider-Man indiano, quello inglese e quello zombie, Lady Spider, Spider-Girl e Spider-Gwen, lo Spider-Porco e la Spider-Scimmia, Peni Parker, Spyder-Man, Miguel O’Hara e… Miles Morales. Ci siamo arrivati, finalmente. E senza nemmeno parlare dei mille costumi alternativi!

Miles Morales è il protagonista di questo film e nei fumetti è il secondo Uomo Ragno dell’universo Ultimate: un ragazzetto di sangue misto nero e portoricano molto intelligente che vorrebbe pensare solo alle ragazze e ai graffiti, ma viene morso dal solito ragno ed acquisisce i poteri che sappiamo: forza, agilità, capacità di camminare sulle pareti e il famoso istinto da ragno. Ma anche qualcuno di più. La morte di Spider-Man / Peter Parker, che lui amava e suo padre poliziotto odia, lo colpisce, e così decide di provare a vestire i suoi panni mentre il mondo rischia di collassare a causa di un esperimento organizzato da Kingpin, con l’aiuto di altri nemici classici di Spider-Man… a volte in versioni alternative.

Il personaggio è stato creato dallo sceneggiatore Brian Micheal Bendis e disegnato dalla nostra Sara Pichelli, da uno spunto dell’editor Axel Alonso. Le sue vicende editoriali sono piuttosto complicate da spiegare, ma a noi interessa soprattutto il film, giusto?

Ecco voglio dirlo subito, il film è bellissimo. Sostanzialmente riprende lo spunto del fumetto, velocizzando ovviamente tutta la parte di nascita del personaggio, e lo mixa con una parte della saga Spider-Men e più di una spruzzata di Spider-Verse. Lo dice anche il titolo, no? Richiamato nel suo universo dall’esperimento di Kingpin, Miles Morales si trova a imparare dal Peter Parker di un’altra Terra, un Peter Parker decisamente diverso da quello appena scomparso nel suo mondo… e non c’è solo lui! Versioni femminili, noir, simil-manga e… maialesca si troveranno a collaborare con lui per la salvezza di tutti.

Ho già scritto che Into the Spider-Verse è bellissimo, quindi forse vi ho rovinato la sorpresa… ma probabilmente lo sapevate già tutti, e non a caso ha vinto l’Oscar come miglior film d’animazione. È coloratissimo, pieno di musica, azione, risate, momenti appassionanti e qualcuno persino toccante. È una meravigliosa storia di formazione che non a caso è stata scritta da una coppia letteralmente adorata, qui dalle parti del Cumbrugliume: Phil Lord e Christopher Miller. Sì, quelli del mio adorato The Lego Movie. Poteva uscirne qualcosa di meno che meravigliooooosoooooo???

Il pezzo forte del film sono i personaggi, cosa non semplicissima quando ce ne sono così tanti, così iconici, e con tale rischio di apparire stereotipati. Il Peter Parker di Terra-616 (ovvero quella del Marvel Universe ufficiale, in teoria) è il mentore imperfetto perfetto, con il suo umorismo, la sua rassegnazione e la sua… ehm… panza. Lo Spider-Man Noir (doppiato da Nicholas Cage!!!) è uno spasso con il suo incedere tenebroso e il suo pessimismo cosmico, Spider-Gwen è l’amica ideale del protagonista, Spider-Ham… vabbé, cosa si può aggiungere su di lui? L’unica che resta un minimo in ombra è Peni Parker, che ha qualche sequenza spettacolare col suo ragno robot ma rimane meno approfondita degli altri. E probabilmente è lì per mostrare un design completamente diverso e fungere da (buonissimo, comunque) stacco.

Anche i nemici sono ottimamente realizzati, e voglio sottolineare in particolar modo (e senza fare spoiler) Kingpin, Doc Ock e Prowler. La grafica scelta è il giusto mix tra realismo e fumettosità, ed alcune sequenze di volteggiamento tra grattacieli sono davvero da brividi.

Visto che come sapete non sono mai esagerato, mi voglio sbilanciare: Into the Spider-Verse è il miglior film dell’Uomo Ragno mai girato… sì, anche meglio dei classici di Sam Raimi. Per quanto mi sforzi, non riesco davvero a trovare neppure un dettaglio fuori posto, una cosa che mi ha fatto storcere il naso, un difetto da sottolineare. Anche nelle citazioni (quasi da lacrimuccia la presenza di Stan Lee) o nelle sequenza post-credit, che rendono omaggio all’importanza di Spider-Man nella cultura popolare, e aprono possibilità notevoli per il seguito animato. Che ci sarà, ovviamente. È l’avventura ideale di Spider-Man, e il fatto che dietro la maschera ci sia oggi Miles Morales non fa altro che aggiungere ricchezza e valore a questo personaggio meraviglioso che continueremo ad amare ancora per molti anni, molti film… molti uomini ragno diversi, immagino! Grazie a Brian Michael Bendis, grazie a Phil Lord e Christopher Miller, grazie ai registi Bob Persichetti, Peter Ramsey, Rodney Rothman… grazie a Stan Lee e Steve Ditko, che per una volta viene riconosciuto appieno. Mi sono davvero divertito.

Related posts

Il film di supereroi di cui tutti stanno parlando: Aquaman!

Il film di supereroi di cui tutti stanno parlando: Aquaman!

Con qualche mese di ritardo, la recensione del film DC di maggior successo della storia: Aquaman!

Il classificone dei personaggi del Trono di Spade dopo la seconda puntata dell’ottava stagione

Il classificone dei personaggi del Trono di Spade dopo la seconda puntata dell'ottava stagione

Avete già visto la seconda puntata dell'ottava stagione del Trono di Spade? Io ho appena concluso la visione, e mi sono reso conto di aver vissuto una sorta di deja-vu. Sono tornato indietro di circa tre anni, a quando gli episodi di Game of Thrones si succedevano monotoni, nell'attesa di...

Le novità più interessanti della settimana televisiva – 21/04/2019

Le novità più interessanti della settimana televisiva - 21/04/2019

Buona Pasqua! Nell'uovo del Cumbrugliume, tante serie tv. Siete contenti? Novità succulente Solitamente snobbo e schifo le sitcom, ma devo dare atto alla BBC di averci almeno provato con Ghosts, su un gruppo di fantasmi che infesta una casa che sta per essere trasformata...

1 Comment

  1. Cassidy 20 days ago
    Rispondi

    Peter B. Parker è lo Spidey cresciuto che da lettori ci hanno sempre negato, questo è solo una delle mille ragioni per cui vale la pena esaltarsi per questo film, l’altra é il titolo che hai scelto per il posto, micidiale sto sghignazzando da interi minuti 😉 Cheers

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.