Category fumetti

Battaglia – Ragazzi di Morte

Pietro Battaglia è un vampiro. È immortale, spietato, ha una forza sovrumana e ha attraversato la storia d’Italia, il suo presente e il suo passato, affondando i propri canini nelle storie più torbide e in quelle più famose, sempre dietro le quinte. Senza una morale che non sia la propria, ha lasciato credere al Potere (con la P maiuscola) di potere essere usato, ma in realtà è stato lui a manovrarlo per il proprio gioco personale.

Battaglia Ragazzi di Morte

Pier Paolo Pasolini era poeta, artista, uomo fragile e contorto. Qualcuno ha provato a usare anche lui: un contropotere debole, schiacciato dal peso del controllo straniero, una parodia di controllo inferiore anche nel numero rispetto al Potere vero. Tre scimmiette comuniste per caso contro quattro Cavalieri dell’Apocalisse...

Read More

Animosity – Il risveglio degli animali

Un giorno, non serve sapere perché, la coscienza degli animali si risveglia. Acquisiscono la capacità di parlare e quella di pensare, e all’istante realizzano che il mondo non è loro, ma degli uomini. E la vendetta inizia.

Animosity

Animosity, scritto da Marguerite Bennett (già scrittrice dell’apprezzato Bombshells per la DC) e disegnato da Rafael de Latorre, è una delle sorprese del 2016 nel mondo dei comics americani, e mi sorprende che ancora non sia arrivata notizia di una pubblicazione italiana. Può sembrare una specie di via di mezzo tra La Fattoria degli Animali e Occupy, ma è scritto con intelligenza, disegnato bene (non conoscevo de Latorre, ma mi piace il suo tratto quasi disneyano in alcune tavole) e tocca tutte le corde giuste...

Read More

Dylan Dog #370: Il Terrore

Dylan Dog 370

Dylan Dog non ha mai avuto paura di prendere posizione. Fin dai primi numeri, quando Tiziano Sclavi ha cominciato a costruire le fondamenta del personaggio, sappiamo che il nostro investigatore dell’incubo preferito è vegetariano, non ama le armi, è vicino ai diversi e ai reietti della società e così via. Questa sua bontà negli anni è stata fin troppo sottolineata, e il declino di DD negli anni peggiori l’ha vista trasformarsi in una specie di maledetto buonismo (lo so, è una parola di merda). Era come se Dylan cercasse di non offendere nessuno, e questo in un fumetto che in primis vorrebbe essere horror è pericoloso, perché l’orrore – per riuscire bene – deve disturbare, dividere, dare fastidio, deve irritare qualcuno. Deve anche offendere.

E se c’è una cosa che Roberto Recchion...

Read More