logo

Coraline e la porta magica (Selick, 2008)

Tratto dal bellissimo romanzo di Neil Gaiman, Coraline e la porta magica è un viaggio nell’immaginario fiabesco dark dell’autore inglese, perfettamente riportato su pellicola da Henry Selick, noto soprattutto per aver lavorato con Tim Burton in Nightmare Before Christmas. E come quel film, anche questo è girato in stop motion, con aggiunta (visto che siamo nel 2009) di qualche elemento digitale. Tecnica magica, che contribuisce ancor più a creare atmosfera e ad immergerci nel mondo di Coraline, bambina di undici (?) anni che si trasferisce con gli impegnatissimi genitori in una nuova casa, isolatissima e con vicini piuttosto bizzarri. Esplorandone le varie stanze Coraline scopre una porticina nascosta e murata dall’interno. Nel sogno, però, questa porta si apre, e la bambina trova un nuovo mondo parallelo al suo e apparentemente perfetto, con genitori che le propongono i suoi piatti preferiti, compagni di giochi divertentissimi, un giardino splendido… tutto perfetto. Se non fosse che al posto degli occhi gli abitanti di quel mondo hanno dei bottoni, e uno strano gatto la mette in guardia: nulla, lì, è come sembra.

Se conoscete il romanzo andate sul sicuro: Coraline vi conquisterà. Se non lo conoscete due piccole avvertenze: il film NON E’ infantile e qualche bambino potrebbe uscirne decisamente spaventato. E… chiudete gli occhi, aprite la mente, preparatevi alla meraviglia. Il miglior film (per ora) tratto dai romanzi dell’autore di Sandman.

Il trailer italiano

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: