logo

Linguam aretinam discere: intermezzo

Non si può veramente dire di parlare aretino se non se ne usano detti e frasi idiomatiche. Esse devono essere usate ogni volta che se ne presenta la possibilità, con sfoggio di erudizione e fantasia. Questa, ad esempio, l’ho sentita oggi.
“Il mi citto è come’n can che bada a l’agli, mangiare ulli mangia, e ulli fa mangiare a quel’altri”
Traduzione
Il mio fidanzato si comporta come un cane che fa la guardia a degli agli: non li mangia, ma non permette neanche agli altri di mangiarli.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: