logo

Novità dalle sale: 01/05/2014

Dopo la pausa vacanziera ritorna il settimanale appuntamento dedicato alle uscite nelle sale cinematografiche. Indecisi se portare la vostra bimba a vedere Violetta – Backstage Pass o Locke? Questa è la rubrica che fa per voi! Seguite i miei consigli e vi prometto gioia e prosperità eterna! Eccovi quindi i film usciti tra ieri e oggi, giovedì 1 Maggio 2014.
Violetta – Backstage Pass, di un regista che probabilmente si è vergognato molto, con Violetta
La cosa tragica è che probabilmente questo sarà il “film” più visto della settimana, vista anche l’uscita in 364 copie (!!!). No, non si tratta di un film, ma di una serie di documenti video tratti dal recente tour italiano di Violetta, la nuova idola delle bambine sfornata dalla Disney che comunque aspettiamo tra qualche anno in perizoma in Spring Breakers 2! Cosa ci offre Violetta – Backstage Pass? Le interpretazioni delle hit dalle due stagioni di Violetta, i dietro le quinte del cast e, se proprio non siete ancora convinti, dei MOMENTI KARAOKE che cercheranno di coinvolgere tutti gli spettatori. Io non vedo l’ora!
Voto: :P:P:P:P:P^n
Locke, di Steven Knight, con Tom Hardy, Ruth Wilson, Olivia Colman
Steven Knight è stato sceneggiatore per Stephen Frears (Piccoli Affari Sporchi) e Cronenberg (La Promessa dell’Assassino), e per il suo esordio alla regia ha avuto come protagonista Jason Statham (nel discreto Redemption – Identità Nascoste). Ergo: mi sta simpatico. Questa sua opera seconda è probabilmente l’uscita più interessante della settimana. Ivan Locke costruisce edifici, è probabilmente il migliore di Londra in quello che fa, e per questo è stato scelto per portare a termine un gigantesco progetto americano. Ma la telefonata di una donna di nome Bethan cambia irrimediabilmente la sua vita. Il film è vissuto per 90 minuti praticamente solo a bordo della BMW di Locke, che guidando chiama al telefono gli altri protagonisti della vicenda: la moglie Katrina e i due figli, il capo furibondo Garreth, l’operaio polacco al quale ha lasciato i preparativi del lavoro, con tempo della storia e tempo del racconto coincidenti. Tom Hardy è un grandissimo attore, e questo potrebbe essere un grande film.
Voto: **** 
Un fidanzato per mia moglie, di Davide Marengo, con Luca e Paolo e Geppi Cucciari
C’è davvero bisogno di recensire un film con Luca e Paolo e Geppi Cucciari? Dai, fate una bella sitcom, il cinema è altro.
Voto: :P:P:P:P:P
Tracks – Attraverso il deserto, di John Curran, con Mia Wasikowska
Robyn Davidson ha 25 anni ed un folle sogno: attraversare tutto il deserto australiano a piedi, da sola col suo cane. Eh beh lasciateglielo fare, no? Alla fine trova la sponsorizzazione dei National Geographic e parte. Ma la cosa continua a sembrarmi una pessima idea, chissà perché.
Voto: *
Il venditore di medicine, di Antonio Morabito, con Claudio Santamaria, Isabella Ferrari, Marco Travaglio
Ora io capisco scegliere un personaggio televisivo come attore di un film, per usare la sua notorietà e spingere alla visione un pubblico diverso. Ma Travaglio? Un attore vero non c’era? Boh… Travaglio a parte questo pare un film piccolo ma interessante, la storia di un informatore medico che convince i dottori suoi clienti a prescrivere i suoi prodotti con regalie e piccole corruzioni. Una storia sicuramente di attualità, con un ottimo attore come Santamaria.
Voto: **
Il mondo fino in fondo, di Alessandro Lunarelli, con Luca Marinelli, Filippo Scicchitano, Barbara Bobulova
Loris ha trenta anni, è sposato, lavora nell’azienda di famiglia e sua moglie aspetta un bambino. Suo fratello Davide ha 18 anni, vorrebbe fare tutt’altro e vive in segreto la propria omosessualità. I due vanno insieme a Barcellona a vedere la partita dell’Inter, e la loro vita cambia. Il film è un’opera prima, appare ben girata e recitata da buoni attori. Fa piacere vedere esordi di qualità, anche se continuo a ripetere che questi sono film così tipicamente italiani che hanno poche speranze di avere successo oltre confine. Un film come Locke non ha bisogno di produzioni megamiliardarie, com’è che in Italia non ne vediamo mai?
Voto: ** 1/2
Brick Mansions, di Camille Delamarre, con Paul Walker, David Belle, RZA
Nella foto: i candidati al Nobel per la fisica
A Detroit non solo si mangia ben più che spaghetti pollo e insalatina, ma c’è anche un quartiere pieno di malavita e delinquenza che il sindaco ha ben pensato di isolare con un muro. E dentro comandano i cattivoni. Ma quando il boss della zona inavvertitamente attiva una bomba contenuta in una valigetta la polizia manda dentro uno dei suoi migliori agenti sotto copertura insieme a un carcerato che conosce la zona. I due hanno dieci ore di tempo per disinnescarla, e impiegheranno questo tempo per UN SACCO DI BOTTE SPARATORIE E PARKOUR!!! Uno di quei filmoni americani che… beh non brillano per intelligenza ma sicuramente intrattengono lo spettatore. Sapete cosa aspettarvi (io me lo guardo di sicuro :D)!
Voto: ***
Nut Job – Operazione Noccioline, di Peter Lepeniotis
Una volta per fare un film d’animazione in CGI ci volevano I MIGLIARDI e una forte produzione alle spalle. Oggi lo possono fare cani e porci… e scoiattoli a quanto pare.
Voto: *

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: