logo

Novità dalle sale: 15/05/2014

Questa settimana avete proprio bisogno di una guida ai film nelle sale? Godzilla, what else? Ma attenzione alle sorprese…
– Godzilla – di Gareth Edwards, con Aaron Taylor Johnson, Elizabeth Olsen, Bryan Cranston e Ken Watanabe
Go-Go-Godzilla!
E’ Godzilla, il più grande Godzilla che sia mai stato filmato. C’è un regista giovane e bravo, un cast senza nomi eccezionali ma sicuramente all’altezza, e non è coinvolto Emmerich! Se non vi piace Godzilla cosa ci andate a fare al cinema?
Perché potrebbe piacere: Godzilla!
Perché potrebbe non piacere: amate solo Godard.
Voto: **** 1/2
– Grace di Monaco – di Olivier Dahan, con Nicole Kidman, Tim Roth, Paz Vega
la prossima volta meno lifting, grazie
La storia di Grace Kelly: il suo ultimo ciak, il matrimonio col principe Ranieri, l’ingresso nell’alta società. Ma dopo pochi anni sia il matrimonio che il principato sono in crisi, e la nuova principessa dovrà effettuare una difficile scelta tra la sua passione per il cinema e l’arte e quella per la famiglia.
Perché potrebbe piacere: perché quella di Grace Kelly è comunque una storia che affascina tuttora.
Perché potrebbe non piacere: la Kidman è brava, ma sembra un film per il pubblico di Rete4
Voto: 😛
– Ghost Movie 2 – Questa volta è guerra – di Michael Tiddes, con Marlon Wayans, Jaime Pressly
vi prego non fatemelo guardare… NON FATEMELO GUARDAREEEEE!
Ennesima variazione sul tema dei *** movie, che torna fuori tempo massimo a parodizzare Paranormal Activity e tanti altri film minori degli ultimi anni.
Perché potrebbe piacere: vi fanno ridere le scorregge
Perché potrebbe non piacere: già il primo era un troiaio, figuriamoci il sequel
Voto: :P:P:P:P:P
– Solo gli amanti sopravvivono – di Jim Jarmusch, con Tom Hiddleston, Tilda Swinton, Mia Wasikowska
ALLEGRIA DO BRASIL!
Interessante incursione di un autore di culto come Jim Jarmusch nel campo vampirico, Solo gli amanti sopravvivono è una storia d’amore che dura secoli messa a dura prova dal lento ma costante crollo della civiltà circostante
Perché potrebbe piacere: i vampiri hanno rotto il cazzo da tempo, ma Jarmusch potrebbe essere uno dei pochissimi autori in grado di imprimere il giusto mood decadente e fascinoso alle loro vicende senza traformarli in una facile macchietta
Perché potrebbe non piacere: preferivate un nuovo Twilight
Voto: ****
– Non dico altro – di Nicole Holofcener, con James Gandolfini, Julia Louis-Dreyfus
Eva, massaggiatrice divorziata, conosce a una festa il corpulento Albert, anche lui single, e tra loro inizia una bella amicizia che si trasforma in qualcosa di più. Ma Eva conosce e stringe amicizia anche con la poetessa Marianne, che con lei si sfoga di tutti i difetti e i traumi che le ha provocato l’ex marito… guarda caso proprio Albert. A chi credere?
Perché potrebbe piacere: ultimo film di James Gandolfini, con un cast di tutto rispetto e regia solidissima
Perché potrebbe non piacere: la storia non è il massimo dell’originalità
Voto: ** 1/2
– Pinuccio Lovero – Yes I Can – di Pippo Mezzapesa, con Pinuccio Lovero, Anna Pappapicco
Seguito del documentario del 2007 “Pinuccio Lovero – Sogno di una notte di mezza estate” che non ho mai sentito, boh! Questo è un lavoro di fiction, con il becchino Pinuccio Lovero che si candida alle elezioni comunali di Bitonto. Sembra uno di quei film con Maccio Capatonda, ma pare sia una roba vera, che ne so, amici pugliesi aiutatemi!
Perché potrebbe piacere: leggo in giro recensioni ultrapositive!
Perché potrebbe non piacere: non riesco a credere alle recensioni positive 😛
Voto: ???
– Padre Vostro – di Vinko Bresan, con Kresimir Mikic, Niksa Butijer
Padre Fabijan viene trasferito dalla curia in un isola della Dalmazia dove la natalità è ai livelli più bassi di sempre, e per rimediare alla cosa ha la bella idea di bucare i preservativi comprati dalla gente e di sostituire le pillole anticoncezionali con semplici vitamine.
Perché potrebbe piacere: tragicommedia surreale dallo spunto assurdamente azzeccato
Perché potrebbe non piacere: non conosco molti fan della filmografia croata
Voto: **
– Sogni di Gloria – di John Snellinberg, con Gabriele Pini, Carlo Monni
Due episodi: un trentenne, consigliato dall’amico anarchico, apre le pratiche per lo sbattezzo, ma la cosa crea scandalo nella sua cattolicissima famiglia. Un vecchietto insegna a un ragazzetto cinese a giocare a carte, facendolo iscrivere ad un torneo che sarà anche una resa dei conti della sua vita.
Perché potrebbe piacere: ultima interpretazione di Carlo Monni, cerca di riprendere la tradizione della migliore commedia italiana.
Perché potrebbe non piacere: sembra davvero un film a bassissimo budget, quasi amatoriale
Voto: **
– Più buio di mezzanotte – di Sebastiano Riso, con Davide Capone, Pippo Delbono, Micaela Ramazzotti
Davide è un adolescente che sembra una ragazza. A 14 anni decide di scappare di casa e trova rifugio in un parco di Catania…
Perché potrebbe piacere: la vita a volte riserva sorprese…
Perché potrebbe non piacere: …ma più spesso è prevedibilmente banale 😛
– La moglie del sarto – di Massimo Scaglione, con Maria Grazia Cucinotta, Marta Gastini
Copio da MyMovies: 
All’inizio dei fantastici anni ’60, all’improvvisa morte del marito sarto, Rosetta, donna ammaliante di un paese del Sud, abbandonata da tutti deve combattere insieme con sua figlia Sofia per difendere il palazzetto e la sartoria di famiglia. L’assessore Cordaro, uomo potente, vuole impossessarsi con la complicità dei paesani di tutti i gli immobili del borgo e trasformarli in luoghi per turisti d’assalto. Il palazzo e la sartoria delle “due vedove” è al centro del sinistro progetto. Le due reagiscono, rilanciando la “sartoria per soli uomini”. Intanto, un giovane artista ambulante dal fascino zingaresco, Salvatore, fa innamorare Sofia. Con l’approvazione di mamma Rosetta e lo stupore degli abitanti i due si sposano. Ma il matrimonio non fa arretrare i malintenzionati e la frequentazione di soli uomini nella sartoria riaccende le voci diffamatorie: per tutti, la bottega è solo la copertura di una casa d’appuntamento. Quando tutto sta per precipitare, Rosetta scopre di essere incinta. Ma chi sarà il padre di quella creatura?
Perché potrebbe piacere: siete spettatrici assidue di Rete 4
Perché potrebbe non piacere: volete guardare Godzilla!
Voto: :P:P:P:P:P
– St@lker – di Luca Tornatore, con Ignazio Oliva, Anna Foglietta, Francesco Salvi
Alan è stato lasciato dalla moglie dopo anni di incomprensioni e soprusi, dorme in uno scantinato e si sfoga picchiando il sacco da boxe. Ines lavora per una ditta di energie rinnovabili il cui capo (ed ex capo di Alan) sembra un santone New Age. Il suo collega Adriano ci prova insistentemente con lei, ma Ines non riesce proprio ad avere rapporti con gli uomini…
Perché potrebbe piacere: magari a un certo punto Francesco Salvi si mette a cantare C’è da spostare una macchina!
Perché potrebbe non piacere: non lo fa.
Voto: :P:P:P:P:P

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: