2016 tagged posts

The Bad Batch – l’anti Fury Road

Come scrivevo qualche giorno fa su Facebook, ce l’ho messa tutta per farmi piacere The Bad Batch. Ne avevo letto circa un anno fa una recensione piuttosto positiva su Nocturno, ha vinto il Premio Speciale della Giuria a Venezia (non che dia molto retta ai festival, ma insomma), è stato recensito positivamente anche in blog che stimo moltissimo, eppoi ha tutto quello che poteva servire per piacermi!

Ambientazione distopica in stile quasi-postatomico? Check.

Regista promettente che viene da un film western in bianco e nero coi vampiri idealmente ambientato in Iran? Check.

Sangue e squartamenti? Check.

Cannibali? Check.

Cast che quando lo leggi ti viene voglia di esclamare “ma come cazzo è possibile”? Check.

Protagonista gnocca con culo perennemente inquadrato in primo piano? Ultracheck.

The Bad Batch

E...

Read More

Killing Ground

Certo che ci vuole un bel coraggio a fare i campeggiatori, in Australia. Film come Wolf Creek, Primal, Long Weekend, 100 Bloody Acres, Road Games e via dicendo dovrebbero avere insegnato a chiunque che nell’outback, ancor più che paesaggi memorabili e infiniti, abbondano bestie feroci, orrori dimenticati ma soprattutto coloro che dell’outback hanno fatto il proprio habitat naturale, che lì sono prosperati nonostante tutto, e che sono cresciuti brutali, duri, selvaggi, spietati: le persone.

Killing Ground poster

Killing Ground è la storia di Ian e Sam, una giovane coppia di fidanzati felici...

Read More

The 9th Life of Louis Drax

Alexandre Aja mi sta simpatico. Non sarà mai uno Spielberg o un Kubrick, ma ho trovato quasi tutti i suoi film divertenti: Alta Tensione era uno slasher notevole, il remake di Le Colline hanno gli Occhi poteva essere un disastro, e invece alla fine non era la temuta schifezza, ok Riflessi di Paura era una merda, ma in compenso Piranha 3D era uno spasso! Insomma, quando si muove su territori noti, divertenti e magari un po’ stupidini, Aja ci sa fare. Purtroppo, però, il ragazzo ha deciso di voler provare a crescere.

Già Horns, il suo ultimo film con Daniel Radcliffe e Juno Temple, era un grosso MAH. Un po’ horror, un po’ fantasy, un po’ satira, parecchio indeciso. C’è chi l’ha amato, chi l’ha odiato, a me ha provocato più di qualche sbadiglio...

Read More