roccherrolle tagged posts

Black Trip – Shadowline

Quando si parla di mostri sacri dell’hard rock tutti nominano Deep Purple, Led Zeppelin, Black Sabbath, ma pochissimi si ricordano dei Thin Lizzy. Eppure sono stati dei musicisti incredibili, hanno influenzato decine di altre band ed hanno dato vita a capolavori della musica come Jailbreak, Bad Reputation, Black Rose o il meraviglioso Live and Dangerous. E Phil Lynott è stato il più grande cantante della storia, la sua voce calda, evocativa e potente era capace di raccontare storie e di far sognare. Voi sostenitori di Freddy Mercury dovete stare zitti, qui comando io.
E’ un piacere trovare nel 2015 una band come i Black Trip, che fin dalle prime note ricorda proprio i Thin Lizzy...
Read More

Venti anni fa #17: Mellon Collie and the Infinite Sadness

Smashing Pumpkins Mellon Collie





The World is a vampire..

Nel 1995 avevo sedici anni e come ogni vero sedicenne ero incazzato. Il boom del grunge era appena finito, l’heavy metal si stava imputtanendo ogni giorno di più, il punk si era ingentilito con robuste dosi di pop e milioni di ragazzi come me stavano aspettando un manifesto, qualcosa che sapesse parlare ad una generazione nel suo complesso, che sapesse lanciare il messaggio che ognuno di noi stava aspettando
…this message is for anyone who dares to hear a fool…
C’erano stati dei dischi che avevano parlato alla mia generazione, in Italia e nel mondo...
Read More

The Devil and the Almighty Blues

Ormai mi basta il primo riff della prima canzone di un disco per capire se me ne innamorerò oppure no. Non sapevo assolutamente chi fossero questi The Devil and The Almighty Blues, ma il nome mi intrigava e così… 
Il blues, si sa, è la musica del diavolo. La leggenda nasce con Robert Johnson, che al Diavolo donò la propria anima in cambio della capacità di suonare la chitarra come nessun altro. Le testimonianze dell’epoca (gli anni 30) dicono che Robert era al principio un chitarrista modesto, poi dopo la morte della moglie scomparve, e quando ritornò sulle scene un anno dopo era in grado di fare qualsiasi cosa. Robert fu tralaltro il tragico fondatore del Club dei 27, ed i suoi testi, la sua voce, la sua chitarra hanno ispirato generazioni di musicisti.
Come i The Devil a...
Read More