logo

Joe R. Lansdale – Altamente Esplosivo

Ma sarà poi vero che sono inediti, questi dieci racconti di Joe Lansdale. Uno di essi almeno sono straconvinto di averlo già letto in qualche altra edizione. Boh. Forse in inglese?
Comunque sia chissenefrega! Probabilmente avrei comprato il libro anche se di racconti inediti ce ne fosse stato uno solo. Sono drogato di Lansdale, che ci posso fare?
Per l’autore americano ormai l’Italia è un po’ una seconda casa. Francamente il fatto che stia divenendo di moda mi da un po’ fastidio, preferivo quasi rimanesse una cosa di nicchia. Quando ho iniziato a leggerlo io c’erano appena due o tre romanzi tradotti, ora… va a finire che Fanucci o Einaudi pubblicheranno anche i suoi temini delle elementari.
E io comprerei pure quelli. Dannato me.
Dicevamo… dieci racconti inediti. Quindi goduria, perché è proprio nella maggiore autonomia (e licenza di scazzare) permessa dalla misura breve del racconto che Lansdale da il meglio. Sarebbe facile dire che il bello dell’autore americano è la sua capacità di toccare contemporaneamente l’alto dei migliori virtuosismi stilistici che la sua penna gli permetta e il basso dei temi trattati, del linguaggio sboccato, delle tette, culi, pistole, wrestling, birre, mostri orrendi, negri simpatici eccetera eccetera. Dico che sarebbe facile perché c’è scritto anche in quarta di copertina, ho copiato da La Repubblica.
Nel mio piccolo, Lansdale è una fonte di ispirazione ma soprattutto una fonte di infinito piacere. Ho letto le duecento pagine di questo volume in due ore scarse, cercando anche di trattenermi perché… beh, era davvero troppo poco! Ci sono racconti diversi dalle tematiche diverse, alcuni brevi e un po’ cretini, altri lunghi e quasi lirici, si va dal western, all’horror, alla storia del texas povero e rurale che contraddistingue gran parte della sua produzione. I migliori a mio parere sono l’horror western L’albergo dei gentiluomini e l’allucinante (in senso buono) Mulo bianco, maiale pezzato. Una storia quasi commuovente, 100% Lansdale. Ma cazzo, anche l’ultimo Hide & Horns è un fottutissimo capolavoro. e gli altri?
No, impossibile scegliere. Compratelo e basta.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: