logo

Episodio Uno: American Crime

Per essere onesti ABC non è certo il network più famoso per la qualità delle serie tv trasmesse, ma pare che le cose potrebbero cambiare, grazie a prodotti bene accolti come Secrets and Lies e…
AMERICAN CRIME

I recenti successi di Fargo, True Detective ed American Horror Story hanno dimostrato che si può pensare ad una serie televisiva anche raccontando una storia diversa ogni anno. Certo, gli spettatori non avranno modo di affezionarsi ai personaggi tra una stagione e l’altra, ma in primis a questo problema si può ovviare facendo tornare gli attori protagonisti per cameo o parti diverse come in AHS, in secundis… se c’è la qualità, chi può obiettare? Aspettando Fargo e True Detective al varco del secondo anno ABC prova a dire la sua con una serie crime scritta da John Ridley, sceneggiatore premio Oscar per 12 Anni Schiavo. La sua mano, è innegabile, si vede. Il tema principale è infatti quello razziale: una coppia di bianchi belli e biondi viene assalita all’interno della propria abitazione, lui muore, lei viene violentata e rimane in fin di vita. Sospettato dell’omicidio è un ispanico… o forse un nero… o chissà. La storia, ovviamente, è più intricata di quanto sembra. Tante tensioni razziali salgono alla ribalta…
Il primo episodio di American Crime non ha un look particolarmente scintillante, ma è solido e ci presenta un cast di ottimi attori, quasi tutti già visti ed apprezzati altrove. Felicity Huffman e Timothy Hutton sono i genitori della vittima, oltre a loro Benito Martinez, Caitlin Gerard, W. Earl Brown e molti altri i cui nomi magari non vi ricorderete, ma le cui facce vi ricorderanno di certo qualcosa. Il caso è ben presentato e seppure l’andamento della puntata mi sia sembrato un po’ lento il finale mi ha lasciato con la curiosità di vedere la seconda. Non è questo lo scopo di un episodio uno? 🙂
Voto: ***

2 thoughts on “Episodio Uno: American Crime”

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: