logo

Il Bacon va davvero su tutto

Se siete miei lettori da davvero tantissimo tempo saprete forse che non ho un gran rapporto con i videogiochi. Ho cominciato da piccolissimo, prima con l’Atari 2600 e poi con il Commodore 64, ma la mia passione si è fermata ormai moltissimi anni fa, dopo il boom delle avventure grafiche della Lucasarts. Ogni tanto riprovo a prendere in mano qualche titolo molto famoso, o che mi viene consigliato, ma ben presto mi viene a mancare la voglia di continuare… semplicemente preferisco occupare il mio tempo in altro modo: una serie tv, un film, un romanzo… Ogni tanto, però, mi imbatto in un giochino stupido che attrae la mia attenzione. Come questo Bacon.

Creato dall’olandese Philipp Stollenmayer (autore dell’altro hit di qualche anno fa Sometimes you die), Bacon è una cosina stupida e divertente. Il giocatore può manovrare premendo sullo schermo una padella che usa per far saltare una striscia di bacon, e deve lanciarla in modo tale che finisca sopra qualcosa: si comincia con cose normali tipo un hamburger, ma ben presto ci si sposta verso assurdità nonsense come oggetti di uso comune, pianeti (dotati di una loro forza di gravità) o opere d’arte come la Monna Lisa.

Nota per i programmatori di giochi: se volete attrarre l’attenzione di qualcuno appassionato di casual gaming fate come Philipp: grafica pop, gameplay semplice e divertente ma che riesce a metterti alla prova, magari un pizzico di umorismo surreale che ti fa venire voglia di andare avanti solo per vedere cosa avrà tirato fuori per il prossimo livello. E per carità: niente pubblicità invadenti che appaiono ogni minuto o banner che si cliccano a tradimento!

Alcuni livelli del gioco sono veramente semplicissimi, altri richiedono coordinazione e un pizzico di fortuna per essere completati. Andando avanti le cose si faranno sempre più ardue… provate a mettere una striscia di bacon in equilibrio su uno scivoloso cubetto di ghiaccio o una minuscola bocca semi-aperta, ad esempio. Mica facile. Intelligentemente il programmatore ha inserito la possibilità di andare avanti nonostante un insuccesso guardando una pubblicità. Sono arrivato al 130esimo livello ricorrendo a questo mezzuccio solo tre volte, ma ho paura che mi toccherà farlo una quarta, visto che un maledetto muro di mattoni con uno spazio piccolissimo da centrare mi sta bloccando da tre giorni. Ma è comunque meglio riuscire da soli nell’intento… Bacon ricompensa la vittoria consentendovi di fotografare la vostra opera d’arte, magari bullandovi con gli amici sui social network di essere riusciti a mettere il Bacon sopra un difficilissimo tonno.

Avrete quindi capito: Bacon non sarà il gioco dell’anno, ma per passare dieci minuti in fila dal dottore o mentre aspettate che l’acqua della pasta inizi a bollire è l’ideale. Disponibile sia per iOS che per Android. Accattatevelo!

11 thoughts on “Il Bacon va davvero su tutto”

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: