Quando ancora si sparavano i botti

Quando ancora si sparavano i botti

La mia famiglia non è mai stata una di quelle fissate con i fuochi d’artificio. A volte per il veglione del 31 dicembre andavamo a cena da parenti che sparavano qualche botto, ma noi, personalmente, no. Mai fatto. Non mi sono mai piaciuti particolarmente le esplosioni, e anche i fuochi d’artificio “colorati” alla portata delle tasche dei comuni mortali mi sono sempre sembrati piuttosto banali… una cosa, però, mi ha sempre attratto morbosamente. Il fuoco. E’un miracolo che non sia (ancora) diventato un piromane, perché adoro il fuoco e adoro bruciare cose. E niente brucia bene come la polvere da sparo!

Il primo gennaio, approfittando delle vacanze di Natale, insieme ad altri bambini del paese (ma sicuramente era una idea mia, il piccolo piromane) andavo per le strade a raccattare fuochi inesplosi o esplosi solo parzialmente, rischiando ovviamente di perdere le dita. Ma a cosa servono le dita, in fondo? Comunque, nessuno di noi è mai esploso, e ogni anno riempivamo una busta di raudi, magnum, fischioni… i più sfortunati trovavano solo i mini-ciccioli, quelli che anche a lanciarteli addosso non riuscivano a farti perdere un’occhio, al massimo qualche diottria. A giudicare dalla quantità di troiai nei marciapiedi c’era da pensare che il caccia-e-pesca del paese, che riforniva mezzo mondo di botti, potesse aprire solo nei mesi di novembre e dicembre per poi trascorrere il resto dell’anno alle Bahamas. Ma sto divagando. Quello che conta è che alla fine della caccia aprivamo i botti, ne estraevamo la polvere da sparo e la incendiavamo allegramente, cercando di dare fuoco alle panchine. Mai riusciti, ahimè.

I’M THE GOD OF HELL-FIRE!

Sono passati circa 25 anni (madonna, la vecchiaia), e tre giorni fa, il 1 gennaio, sono uscito a portare a spasso il cane. Ero preoccupato perché il mio malefico cane ha il vizio di mettere in bocca gnicosa, quindi ero in guardia, non credo che la polvere da sparo faccia bene ai cani. Invece, sulla strada principale niente. Dentro il paese, qualche residuo bellico sparso… e tanto silenzio, neanche un botto. Probabilmente il caccia-e-pesca ha chiuso, e nessuno sa più dove comprare i botti… probabilmente anche questo è un segno della crisi, se dobbiamo tagliare qualcosa iniziamo a tagliare le stronzate.

Io e il mio cane Newton ne siamo molto contenti.

logo

Related posts

Anche i mostri si innamorano!

Anche i mostri si innamorano!

Dunque, ci siamo! È arrivato il giorno dell'uscita ufficiale di Anche i mostri si innamorano, la mia raccolta di racconti edita da Dark Abyss Edizioni. Da oggi potreste acquistare il libro "wherever books are sold", come dicono gli americani; io vi consiglio di prenotarlo nella vostra...

Vincenzo!

Vincenzo!

Cosa sto guardando in questi giorni? Potrei dedicarmi a film con budget di centinaia di milioni, a serie pluripremiate, a pellicole horror importantissime, a recuperi di classici dimenticati... E invece sto guardando una serie coreana. Una serie coreana che parla di un mafioso coreano...

Kebabbari vs Alieni!

Kebabbari vs Alieni!

Alvaro è uno studente universitario. O almeno, tecnicamente potrebbe definirsi tale, ma la verità è che il suo libretto universitario giace pressochè intonso dentro un cassetto, chissà poi quale. Nella grande città ci sono troppe distrazioni per pensare allo studio. Troppe feste, troppe...

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.