logo

“A” come Ignoranza!

AH, come sono IGNORANTE! Fino a ieri non sapevo neppure dell’uscita in edicola del primo numero di “A” COME IGNORANZA, ma fortunatamente mio fratello mi ha edotto, ed ora so!
Ormai millordici anni fa circa mi ero intrippato tantissimo con le stupiderrime strisce di Davide Berardi in arte DAW, avevo letto tutto quello che potevo su internet e a qualche Lucca Comics avevo comprato pure un paio di albi della vecchia edizione ProGlo. Poi come spesso mi accade, visto che la mia soglia di attenzione arriva al massimo a 17 secondi scarsi, mi ero completamente scordato di DAW, del suo blog, di tutti i suoi personaggi. Non perché non fossero meritevoli di ricordo, ma perché evidentemente sono stronzo io. A volte usavo il titolo per farmi bello con gli amichetti, in maniera del tutto inconsapevole, ma giuro che non lo farò più, e comprerò tutti gli albi di questa nuova edizione Panini Comics, ogni due mesi in edicola al modicissimo prezzo di 2.90€. Si vede che vogliono cercare il “nuovo Ratman”!
“A” come Ignoranza è il nuovo Ratman? NO! Mi ricorda più roba come Enomoto (tanto non se lo ricorda nessuno) ma molto più divertente. E’ roba demenziale, piena di iperviolenza insensata e giochi di parole idioti. E’ bello insomma!!! Tanto bello!!! Non riesco a descrivere cose tipo Sbranzo o Brullonulla o il Misterioso Papero del Giappone, quindi se siete curiosi andate sul blog, poi a comprare il fumetto in edicola eppoi tornate qui a ringraziarmi. O a infamarmi, va bene uguale!
Se invece avete già letto le strisce e volete sapere se c’è qualcosa di nuovo… la risposta è SI! Anzi devo dire che Daw si è davvero impegnato e le robe nuove (circa il 70%) sono forse persino superiori a quelle vecchie, che introducono i personaggi che l’hanno reso famoso.
Quindi che fate ancora qui? La recensione è finita!
Voto: *** 1/2

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.